Oroscopo giornaliero: istruzioni per l'uso


 

Il legame tra il cielo e le vicissitudini umane, di singoli uomini e donne, città e popoli, è una credenza antica che, nonostante lo sviluppo della scienza moderna, sopravvive collateralmente ad essa e sicuramente più di essa desta l'attenzione di molte persone. Basta vedere lo spazio occupato dall'astrologia in tutti i mezzi di comunicazione di massa. Probabilmente ciò è dovuto alla generalità e all'astrattezza delle conoscenze scientifiche rispetto ai problemi e agli interessi quotidiani della maggior parte delle persone che invece vengono trattati minuziosamente dall'astrologia .

È per questa caratteristica dell'astrologia che si è costruita questa applicazione che deve essere usata con molto buon senso, servendosi dei metodi e del linguaggio di una antica tradizione come spunto per una autoanalisi semiseria: le indicazioni della tradizione astrologica, spesso divergenti o addirittura contrastanti tra di loro, a parere degli stessi astrologi, non prefigurano il futuro di nessuno e, come dicevano gli antichi, ognuno è autore del proprio destino.

In particolare questa applicazione si limita a calcolare i dati astronomici utilizzati dagli astrologi e a fornire alcuni spunti di lettura basati sulle relazioni esistenti tra la configurazione celeste del giorno indicato e quella presente al momento della nascita.

Per usare questa applicazione bisogna conoscere esattamente l'ora solare del luogo della propria nascita e le coordinate geografiche (latitudine e longitudine) del luogo di nascita.

Per l'eventuale ora legale, consultare la tabella fornita dall' Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica.

Le coordinate geografiche delle località italiane possono essere rilevate consultando la pagina Luoghi d'Italia: cliccare sul link, rilevare le cordinate e tornare alla pagina di partenza.

Ora di nascita e coordinate geografiche del luogo di nascita vanno immesse nei campi del frontespizio con la precisione del minuto primo.

Cliccando sul bottone OK si ottiene la stampa della configurazione del cielo alle ore 8 del giorno indicato seguita da due quadri:

Ad ognuno degli elementi di questo secondo quadro è collegato un'indicazione interpretativa che può essere visualizzata con un doppio click su di essa.

Nella lettura di queste indicazioni vanno tenute presenti le seguenti avvertenze. 

  1. L'oroscopo è un sistema di simboli e di relazioni (pianeti, segni, case, aspetti... ) ad ognuno dei quali corrisponde una vastissima gamma di significati spesso collegati tra di loro da larghe e talora indirette analogie.

Le relazioni tra un simbolo e l'altro sono praticamente innumerevoli e non esiste una metodologia esatta nel senso scientifico per enumerarle o selezionarle. Si sono scelte quelle più comuni nella pratica astrologica tradizionale.

L'interpretazione dell'oroscopo non può quindi assolutamente condurre a conclusioni deterministiche, ma solo indicare potenzialità la cui realizzazione dipende poi da una serie praticamente infinita di fattori personali, culturali, ambientali.

 

  1. Le interpretazioni proposte forniscono solo alcuni possibili suggerimenti ricavati dalla pubblicistica attuale. Possono solo costituire indicazioni per l'analisi di una personalità, ma non possono certamente sostituire una conoscenza diretta.
  2. Le interpretazioni proposte sono solo spezzoni di un puzzle che va costruito attraverso una loro organizzazione gerarchica, che attribuisca ad ognuno di essi il giusto peso e la giusta importanza nel complesso del quadro (altrimenti sono inevitabili molte contraddizioni).

A questo scopo si possono applicare i seguenti criteri:

  1. La posizione dei pianeti nelle case dà indicazioni sull'ambito di interessi ed attività su cui maggiormente si esprime l'influenza del pianeta, indicando alcuni possibili eventi.
  2. Gli aspetti tra i pianeti indicano in linea di massima una armonia o un conflitto tra le influenze dei pianeti, quindi o una fusione che esalta i loro influssi positivi, o uno scontro che potenzia i loro influssi negativi.
  3. Gli aspetti armonici, tendenzialmente benefici, sono il trigono (120°) e il sestile (60°); quelli disarmonici, tendenzialmente malefici, sono il quadrato (90°) e l'opposizione (180°).
  4. La congiunzione rappresenta uno stato di equilibrio instabile: se è appoggiata positivamente è tendenzialmente benefica; in caso contrario si possono avere eccessi negativi nelle tendenze governate dai pianeti interessati.
  5. Gli aspetti sono tanto più forti, quanto più sono stretti, cioè prossimi agli angoli indicati, e sono qualificati, specialmente la congiunzione, dai segni e dalle case in cui si verificano.
  6. Il sestile ha influenze analoghe a quelle del trigono ma è meno intense e decise; lo stesso vale per il quadrato rispetto all'opposizione.

indietro