Fitotoponimi: fruttifere.

Toponomastica italiana


Si designano come fruttifere le pianti arborescenti o arbustive che producono bacche o drupe.

Queste piante e i loro frutti di evidente interesse per l'alimentazione umana e animale a partire dall'epoca neolitica sono state sottoposte a continui processi di selezione che ne hanno sicuramente modificato l'originale aspetto originario.

I nomi delle piante fruttifere più diffuse sul territorio italiano derivano di norma da Latino classico, ma sono presenti anche nomi di derivazione greca, celtica, araba o germanica che sono stati latinizzati in Italia, Francia o Spagna nel corso del Medio Evo.

Per alcuni di questi nomi non si riscontra una radice indoeuropea probabilmente perche le rispettive specie sono state introdotte nella penisola prima dell'arrivo di stirpi indoeuropee.

Nel seguito i riferimenti alle radici indoeuropee rimandano a Indogermanisches etymologisches Wörterbuch di J. Pokorny, citato come IEW, in cui sono disponibili molti esempi e trascrizioni fonetiche più accurate.

Cliccando sui nomi su sfondo giallo si ottiene la rappresentazione Googlemaps del luogo corrispondente.


  1. avella

    Radice indoeuropea *abel (IEW 1-2) = mela forse da *apu = fuori da (IEW 53-55) + *bhel = crescere, gonfiarsi (IEW 120-122), con il senso di cosa cresciuta da cogliere.
    Celtico *aplu = mela.
    Tedesco apfel; Inglese apple.

    Esempi


  2. avellana

    Radice indoeuropea *abel (IEW 1-2) = mela.
    Celtico *avallo = frutto; *ollanio = nocciòlo.
    Dialettale francese alognier / allognier / aulagnier = nocciolo.
    Latino (nux) abellana / avellana = nocciòlo.
    Lat. medioevale avellaneta / avellenata / avellanetum / aulanerium = noccioleto (Du Cange).

    Esempi


  3. castagno

    Radice preindoeuropea di probabile origine mediterranea *kass / *kast = grande albero.
    Kastanaia: città in Asia Minore; Kastnion: monte in Panfilia.
    Greco kàstanon = castagna.
    Latino castanea = castagno; castanetum = castagneto.
    Lat. medioevale castenata / castenaria / castenearia / castanheria / castanaretum = castagneto (Du Cange).

    Esempi


  4. ciliegio

    Radice indoeuropea *ker = ciliegia (IEW 572-573).
    Greco kérasos = ciliegio, probabilmente derivante dal nome della città di Kerasous, oggi Giresun, sulla costa anatolica del Mar Nero.
    Latino cerasus = ciliegio; cerasum = ciliegia.
    Lat. medioevale cerasea / ceresum / cerisum / cereria / cerea = ciliegia; ciriegus / ceresarius = ciliegio; ceresaria / sereria / seresum = ciliegeto.

    Esempi


  5. corilo

    Italiano antico corilo = noccòlo.
    Radice indoeuropea *kos[e]lo = nocciòlo (Corylus avellana, IEW 616).
    Protoceltico *koslos = nocciòlo.
    Protogermanico *hasalaz = nocciòlo.
    Greco kòrylos = nocciòlo.
    Latino corylus / corulus / (*colorus) = nocciolo.
    Lat. medioevale collera (Du Cange).

    Esempi


  6. corniolo

    Radice indoeuropea *ker / *krnos = ciliegia (IEW 572-573).
    Greco kranea = corniolo.
    Latino cornus = corniolo.
    Corniolo (Cornus mas): arbusto dai frutti rossi di dimensioni simili a quelle delle ciliegie.
    cornia: il frutto del corniolo.

    Esempi


  7. fico

    sykon / tykon = fico.
    Latino ficus (dim. ficillus) = fico.
    Entrambe le parole sembrano connesse ad una radice del substrato mediterraneo affine alla radice indoeuropea *teu / *tu = aumentare, gonfiarsi (IEW 1080-1085).
    Latino medioevale ficundeum = frutteto di fichi ('ficetum seu locus ficis arboribus consitus': Du Cange).
    Dialettale ficura = fico (albero e frutto).

    Esempi


  8. mandorlo

    Greco amigdale = mandorla, di probabile derivazione semitica.
    Latino amygdala = mandorla, dal Greco. Latino volgare *amandala.
    Lat. medioevale amandola = mandorla; amandalarius = mandorlo (Du Cange).

    Esempi


  9. melo

    Greco melon = pomo, mela, parola che pare priva di etimo indoeuropeo e di derivazione probabilmente anatolica o caucasica (Hittita sam[a]lu = mela).
    Latino malum = mela; malus = melo o, genericamente, albero da frutta; *maletum = meleto, frutteto.
    Lat. medioevale melum = pomo; malarium / melarium / *melaretum = meleto.

    Esempi


  10. nespolo

    Greco mespile = nespolo.
    Latino mespilus = nespolo.
    Parola di origine non indoeuropea di probabile provenienza mesopotamica. Mespile era una città sulle rive del Tigri ricordata nell'Anabasi.
    Lat. medioevale nespilus = nespolo; nespila = nespola; mespiletum / mesplea = nespoleto (Du Cange).

    Esempi


  11. noce

    Radice indoeuropea *kneu = stringere, comprimere (IEW 558-559).
    Inglese knot = nodo.
    Latino nux-nucis = noce (albero e frutto); nucetum = noceto.
    Lat. medioevale nucerius / nucarius / nucarium / nuclearius / nuclearium = noce (albero); nucelletus / nucelletum / noeretus / noerium / nuscentum (Du Cange) = noceto; nucella = nocciòla.

    Esempi


  12. pero

    Possibile base indoeuropea da *apu = fuori da (IEW 53-55) + *ru = strappare, staccare (IEW 868-871), con il senso di cosa che si coglie.
    Greco apion = pera.
    Latino pirus = pero (pirum = pera); pirulus = pero cervino.
    Sardo pirastru, Siciliano pirainu = pero selvatico.

    Esempi


  13. pesco

    Latino malus persica (melo della Persia) = pesco (Prunus persica).
    Lat. medioevale persea / persicum / pesca / precegum / preseguum = pesca (Du Cange).
    Sardo pérsighe / péssiche / péssie / pénsiu / póssiche / préssiu / péssiu / pénsiu / péssigghi / presca / pelsica = pesca.

    Esempi


  14. pomo

    Possibile base indoeuropea da *po = fuori da (IEW 53-55)+*em = prendere (IEW 310-311) nel senso di cosa che si coglie.
    Latino pomus = albero da frutto, melo (Malus domestica).
    pomarium = frutteto.
    Lat. medioevale pompus = pomarium (Du Cange).

    Esempi


  15. pruno

    Radice indoeuropea *bhrugh-no = ramo (IEW 174).
    Greco proune = pruno.
    Latino prunus = prugno, susino;*prunica = pruno selvatico.
    Dialettale brigna, brogna, brombo, bromba = prugno, prugna.

    Esempi


  16. rovo

    Radice indoeuropea *reub = strappare, cogliere (IEW 868-871).
    Latino rubus = rovo (Rubus fructicosus); rubetum = roveto.
    Lat. medioevale ruberus / rubeata = roveto (Du Cange).
    Sardo rubu / ruvu / ru / orrubu / orrugu / arruvu / orruvu / orruo / razzoni / ruo / ruu / arru / arrua / orru / ruu = rovo; ruarzu / ruaza / ruedu / rubarju / rubarja / rubarzu / ruvagliu / ruvarju / orrubarzu / orrugarzu / ruargiu / arruargiu / arruarxu / arruaxu / orrualixi / orruargiu / ruaggiu = roveto.

    Esempi


  17. sambuco

    Aramaico sabbekha, nome di strumento musicale passato al Greco come sambyke a al Latino come sambuca.
    Latino sambucus = sambuco, forse il legno con cui si costruva lo strumento.
    Lat. medioevale sabucus / sabutiz / sacucus (Du Cange).
    Sardo sambucu / sabucu / saucu / savucu / saocu / samucu / semucu / sommucu / sramucu = sambuco.

    Esempi


  18. sorbo

    Radice indoeuropea *ser / *sor = rosso (IEW 910-911).
    Latino sorbus = sorbo.
    Lat. medioevale sorva / sora / zora = sorbo.
    Sardo zorba / giorva / giolba / gioba / fazorba (faba zorba) = anagiride (Anagyris foetida): arbusto della famiglia delle Leguminose.

    Esempi


  19. vite

    Radice indoeuropea *uei / *ui = flettere, piegare (IEW 1120-1122).
    Greco oinàs = vite (dai rami flessibili).
    Latino vitis = vite; vinea = vigna.
    Lat. medioevale vineale / biniale / vinearius / vinearium / binearium / vinaria / vinarium / vinera / vinericia = vigna (Du Cange).

    Esempi