Georgotoponimi: disboscamento, dissodamento, recinzione, coltivazione.

Toponomastica italiana

Luoghi d'Italia


Si dicono georgotoponimi (georgòs = agricoltore) i toponimi derivati dalle attività di messa a coltura di terreni prima incolti e di delimitazione e gestione degli stessi. In questa pagina, in particolare, si raggruppano a parte i toponimi relativi alla delimitazione delle superfici in quanto dal loro primitivo significato agricolo alcuni di essi sono stati assunti ad indicere delimitazioni di carattere politico di territori di città, feudi o stati.

Nel seguito i riferimenti alle radici indoeuropee rimandano a Indogermanisches etymologisches Wörterbuch di J. Pokorny, citato come IEW, in cui sono disponibili molti esempi e trascrizioni fonetiche più accurate.
I riferimenti al Latino dei documenti medioevali derivanti da varianti popolari del Latino letterario classico o dalla latinizzazione di termini importati da altre lingue rimandano al Glossarium mediae et infimae latinitatis di Charles du Fresne sieur du Cange, citato come Du Cange. Se questo sito fosse in manutenzione, si può consultare la riproduzione anastatica dell'opera a cura dell'Università di Mannheim.

Cliccando sui nomi su sfondo giallo si ottiene la rappresentazione Googlemaps del luogo corrispondente.


  1. ager

    Radice IE *aĝ / [*heĝ] = condurre; *aĝḫroḫs = campo: luogo in cui si guidano animali all'aratro o al pascolo (IEW 4-6).
    Latino ager (dim.: agerolus, agellus) = campo, podere.

    Esempi:


  2. agger

    Radice IE *aĝ / [*heĝ] = condurre, portare (IEW 4-6).
    Latino gero = porto, trasporto; aggero = ammucchio; agger = mucchio artificiale (argine, terrapieno) o naturale (collina, monte).
    Lat. medioevale arger / arginalis = argine (Du Cange).

    Esempi:


  3. area

    Radice IE *as = bruciare (IEW 68-69).
    Latino arere = essere arido; area (dim. areola e medioevale arelia) = spiazzo secco, spoglio, libero.
    Latino medioevale area / arealis / aira / airalis = terreno incolto ('ager, aut locus qui nec colitur nec aratur': Du Cange); area = cimitero (Du Cange). Negli insediamenti agricoli aia, spiazzo per essicare cereali e, per estensione, l'insediamento stesso.
    Italiano area industriale: terreno destinato ad insediamenti industriali nella pianificazione urbanistica.
    Sardo arghiola / arzola / alzola / agliola / arjola / arxola / argiola / artiola = aia

    Esempi:


  4. braida

    Radice IE *bhered = tagliare, tavola, spiazzo (IEW 138).
    Base germanica *braid = slargo, radura.
    Longobardo *braida = campo, podere.
    Lat. medioevale braida / bradia / bradium = campo (Du Cange).

    Esempi:


  5. caeduus, caesa

    Radice IE *[s]k[h]ai / *[s]k[h]ai-d / *[s]k[h]ai-t = tagliare, colpire (IEW 917).
    Latino caedere = tagliare; caeduus = ceduo: bosco da taglio; caesus / incisus / concisus = tagliato.
    Lat. medioevale cedua, concidua, cetretum = silva caedua (Du Cange); 'Stallaria, salicetum vel cetretum', 'Stalaria, est arboretum sive arbustum, ex quo pali inciduntur.' (Du Cange);
    concaesa / concisa / concesia / concides / concidua / cesa / cesina = terreno disboscato coltivato o a pascolo o anche bosco ceduo;
    cesia / cessia / cesonus / concida / cuncida / cunca = siepe (Du Cange).

    Esempi:


  6. campus

    Radice IE *kam-p = piegarsi, incurvarsi (originariamente: depressione, avvallamento; IEW 525).
    Latino campus = pianura e anche campo agricolo.
    Lat. medioevale campestris / campius / campilius = campo ('idem quod Campus': Du Cange) oppure arativo, terreno coltivabile ('arabilis, arationi idoneus'); campodus, campretum, campitum = campo (Du Cange); camporellae = particelle di terreno coltivabile; campaticum = terreno di pascolo.

    Esempi:


  7. ciconia

    Radice IE *kan = emettere suoni, cantare (IEW 525-526).
    Latino ciconia = cicogna.
    Latino medioevale ciconia / cigonia / ciconium / ciconiola / cicugnola / cigognola / cegugnola / cegognola: attrezzo a leva e contrappeso per il sollevamento dei secchi dai pozzi che ricorda forma e movimenti dell'uccello (Du Cange).

    Esempi:


  8. dalha

    Radice indoeuropea *del / *dol = dividere, tagliare (IEW 194-196).
    Base germanica *dailjan = dividere, tagliare (GW).
    Latino medioevale dalha / dallis / dayla / dailus / dalus = falce, falciare, prato da falciare (Du Cange).
    Dalaunia / Dalania: nome medioevale dell'estremità settentrionale della Valcamonica.

    Esempi:


  9. dalya

    Base araba dalya = vigna.

    Esempi:


  10. debelus

    Radice indoeuropea *dheg[w]h = bruciare (IEW 240-241).
    Celtico *dabio = bruciare.
    Latino debelus (Tabula di Veleia) = debbio.
    debbio: mettere a coltura un terreno bruciando la vegetazione presente.

    Esempi:


  11. fenum

    Radice IE *dhe[i] = succhiare e più in generalere essere fecondo.
    Greco thele = capezzolo, mammella; thelus = femminile; thallo = fiorisco, sono abbondante.
    Latino fello = succhio; femina = femmina; fecundus = fecondo; felix = abbondante, fecondo; f[o]enum = fieno.
    Nel Settentrione figna = mucchio conico di fieno o paglia.
    Nel Cilento fenosa = giglio marittimo (Pancratium maritimum).

    Esempi


  12. fracta

    Radice indoeuropea *bhreg = rompere (IEW 165).
    Latino frangere (part. pass. fractus) = rompere.
    Lat. medioevale frangere = dissodare (Du Cange); fracta = terra dissodata.

    Esempi:


  13. granica

    Radice indoeuropea *ger / *gre = sfregare, consumare, invecchiare, maturare (IEW 390-391).
    Latino granum = granello, chicco; granarium = granaio.
    Latino medioevale granum = derrata alimentare; granica / granea / grengia / grangium / grangeria / grangaticum / granaticum = granaio, fienile, pagliaio (Du Cange).

    Esempi:


  14. lignum

    Radice IE *leĝ = raccogliere (IEW 658).
    Latino lignum = legno.
    Lat. medioevale lignetum = bosco; lignamen = legname; lignarium / lignile = legnaia (Du Cange).
    Sardo linna = legno / legna.

    Esempi:


  15. maius

    Radice indoeuropea meg[h] = grande (IEW 708-709).
    Latino Maia: dea della fertilita; Maius = Maggio (mese dedicato alla dea Maia).
    Lat. medioevale maiense / maiolus / maliolus / mailliolus = maggese
    malliolus = pianta coltivata (o che fiorisce) a Maggio o terreno con tali piante (Du Cange). Cfr. Ital. dialettale maiola = fragola; Spagnolo majuelo = biancospino.
    Ital. maggengo = pascolo di Maggio a bassa quota con disgelo più veloce.

    Esempi:


  16. materies

    Base indoeuropea mater = madre (IEW 700-701).
    Latino materies = materia spesso nel senso specifico di legno.
    Lat. medioevale materia / maderia / madera / majeria / materiatura / materiamen / mairamen / maeremium / merenium / merennum / marrianum / marrienum / marimentum = legname ('materia scilicet lignea aedibus aedificandis idonea': Du Cange).
    Spagnolo madera = legno.

    Esempi:


  17. novale

    Radice indoeuropea *neuos = nuovo (IEW 769).
    Latino novus / novale / nova = nuova coltivazione: terreno dissodato e messo a coltura per la prima volta o dopo una pausa (maggese).
    Lat. medioevale novella / novellum / novelletum / novatio = novale; novellare = mettere a coltura terreni incolti (Du Cange).

    Esempi:


  18. palea

    Radice IE *pel = polvere, farina (IEW 802).
    Latino palea = paglia.
    *palearia = pagliaia o case di paglia, capanne.
    Sardo paza / pagia / palgia / palla / padda = paglia.

    Esempi:


  19. paternus

    Radice IE *pətḗ[r] = padre (IEW 829).
    Latino pater = padre; paternus / patrius / patruus / patricus = paterno, del padre, spesso riferito a terreno o casa ereditati dal padre.
    Latino medioevale paternalis, paternicus = paternus (Du Cange).

    Esempi


  20. petia

    Forse radice IE *geiĝ = mordere, strappare (IEW 356).
    Base protoceltica *kʷesdis = frammento, porzione.
    Base celtica *petsi / *pedzi = frammento, porzione.
    Latino medioevale pecia / petia / petius / pechia / pichea / piechia / piecia / pessia / pesia / peca / peya / pena; dim. peciola / petiola / petiolum = pezzo, frammento(Du Cange) spesso riferito a porzione di terreno agricolo.

    Esempi:


  21. posse

    Radice IE *poti-s = lui per antonomasia (É. Benveniste), cioè il signore, il padrone, il capo (IEW 842). Secondo Benveniste il significato originario di *potis emerge in Latino nell'elemento -pse di ipse.
    Latino potis = capace, in grado di; posse (potis esse) = potere; possidere (potis sedere, part. pass possessus) = essere padrone di, possedere.
    Latino medioevale podere / poderum / poderium / pothere (sostantivato dal Latino classico posse / *potesse = potere) = possesso nel senso di proprietà agricola ('possessio, praedium rusticum': Du Cange).

    Esempi:


  22. praedium

    Radice IE *u̯adh = garantire (IEW 1109).
    Latino vas-vadis = garante, mallevadore; praes-praedis (da prae + vas) = garante e anche possesso dato in garanzia;
    praedium = possedimento fondiario, casa o podere.

    Esempi:


  23. puteus.

    Radice IE *pu = acuminato, tagliente (IEW 827).
    Latino putare = tagliare, potare; puteus (dim. puteolus) = scavo, fossa, buca, pozzo, pozza; puteal = parapetto di pozzo.
    Lat. medioevale puçile / poçile = puteal (Du Cange).
    Francese puiser = attingere.
    Area Franco-Provenzale poisat = pozza da cui attingere acqua.
    Lombardo e Veneto pocia = avvallamento acquitrinoso.
    Sardo puttu / putzu / pussu = pozzo.

    Esempi:


  24. rode

    Radice IE *reudh = disboscare (IEW 868-871).
    Base longobarda *rode = terreno dissodato, messo a coltura.
    Lat. medioevale rodum / rodium / rothus / rhotum / rosticum = terreno dissodato ('ager incultus, qui de novo colendus locatur': Du Cange).

    Esempi:


  25. runcus

    Radice IE *reuk = diserbare (IEW 868-871).
    Latino classico runcare = raschiare, sarchiare.
    Latino medioevale runcus / rancus = terreno disboscato coltivato o a pascolo.

    Esempi:


  26. sarire

    Radice IE *ser[p] = falce (IEW 911-912).
    Latino sarire / sarrire / sarculare = sarchiare.
    Lat. medioevale sarire = disboscare un terreno per agricoltura o pascolo ('Terram incultam succisis dumetis excolere': Du Cange);
    exartus / exartum / essartum / exartes / scartus / assartum / sartus / sartum / sartellum / sartellulum = terreno dissodato (Du Cange).

    Esempi:


  27. solarium

    Radice IE *sā́u̯el / *sāu̯ol / *suu̯él / *su̯el / *sūl = sole (IEW 881-882).
    Latino sol-solis = sole; solarium = luogo esposto al sole, terrazza, essicatoio.

    Esempi


  28. taliare

    Radice IE *tal = crescere (IEW 1055).
    Latino talea = virgulto, ramoscello.
    Lat. popolare taliare / tallare = potare poi, più generalmente, tagliare;
    taliatus = tagliato, diviso, fesso, spaccato.
    Latino medioevale talia / tailla / tailea / talium / talivum / tallicium / talleicium / talterium / talium / talivum / talleicium = bosco ceduo (Du Cange).
    Ital. taglio, tagliola, taglieto = bosco ceduo.

    Esempi:


Recinzioni e confini


  1. *bandwon

    Radice IE *bhā = splendere, brillare (IEW 104-105).
    Base germanica *bandwjan = mostrare, indicare o *bandwon = segno con riferimento a terreno marcato, delimitato e non accessibilile ad estranei.

    Esempi:


  2. broga / brolium

    Radice indoeuropea *mereg = bordo, confine (IEW 738).
    Base celtica *morga / *broga / *brogilos = campo recintato ('brogae Galli agrum dicunt': IEW 738).
    Latino medioevale brolium / broilum / briulum / briolum / brogilum = luogo recintato: bosco, giardino o campo recintato di proprieta privata ('nemus, silva, aut saltus, in quo ferarum venatio exercetur; maxime vero silva muris aut sepibus cincta': Du Cange).

    Esempi:

    Alcuni toponimi piemontesi derivano direttamanre dalla base *broga.

    Esempi:


  3. chez / caio- / gaio-

    Radice IE *kagh / *kogh = intrecciare, recingere (IEW 518).
    Base celtica *kaio /* kaion / *kagi = recinto, terreno recintato.
    Latino medioevale agia / haga / hagia / haia / haicium / glaga / kaeyum / kaneium / cea = siepe; caya / chaia / cayum / chayum = casa, residenza (Du Cange).
    Francese haie = siepe; chez = a casa di / presso.

    Esempi:


  4. communis

    Latino communis (cum+unus) = unito, di tutti.
    Spesso si riferisce a terreni di sfruttamento collettivo concessi in enfiteusi da monasteri.
    Raramente comune in senso amministrativo medioevale o moderno.
    Comunetto = frazione con propri organismi rappresentativi e amministrativi.

    Esempi:


  5. decus

    Radice IE *dek̂m̥ = dieci (10) (IEW 191-192).
    Latino decem = dieci; decus / decussis / decuria = cippo di confine recante la lettera X = dieci nella numerazione romana.
    Lat. medioevale deci = confini (Du Cange); *decenarius = posto al confine; cruciare = delimitare un terreno.

    Esempi:


  6. defensa

    Radice IE *bheid = pungere, forare, fendere (IEW 116-117).
    Latino findere (part. passato fissus) = fendere, tagliare, dividere; defendere (part. pass. defensus) = tenere lontane, impedire.
    Latino medioevale defensa = bandita, terreno di uso esclusivo della proprietà ('defensa dicitur ager, pratum, vel silva, ubi aut pascua seu animalia immittere, aut aliud quidpiam agere, quod iis noceat, non licet': Du Cange).
    La parola difesa nel senso di terreno impedito all'uso pubblico è di uso soprattutto meridionale.

    Esempi:


  7. dominicus

    Radice IE *dem / *demə = costruire, casa (IEW 198-199).
    Latino domus = casa; dominus = padrone di casa , signore.
    dominicus = di proprietà di o pertinente ad un signore, padrone; dominicalis / dominicarius = del signore.
    La. medioevale donicum / domnicale / donnecale / dominicatus / dominicatura = possedimento signorile (Du Cange).

    Esempi:


  8. dominus

    Radice IE *dem / *demə = costruire, casa (IEW 198-199).
    Latino domus = casa; dominus (femm. domina) = padrone di casa , signore.
    Ital. don = signore, titolo di rispetto per nobili ed ecclesiastici; donna / dama / madonna / madama (mea domina) = signora, governatrice, feudataria.
    Madonna = La Signora per eccellenza, cioè Maria, madre di Gesù Cristo.
    donna, dama anticamente potevano anche significare monaca.
    donzella = ragazza, nubile.

    Esempi:


  9. finis

    Radice IE *bheid = pungere, forare, fendere (IEW 116-117).
    Latino findere (part. passato fissus) = fendere, tagliare, dividere; finis / confinium = fine, confine; finire = linitare, terminare; finalis / confinis = situato al confine, luogo terminale.
    Lat. medioevale finagium / finamentum = confine (Du Cange); finarius = sul confine (nome medioevale di Finale Ligure).

    Esempi:


  10. gahagi

    Radice IE *kagh / *kogh = intrecciare, circondare, recingere (IEW 518).
    Base germanica hage / haege = siepe, terreno recintato.
    Longobardo *gahagi = terreno riservato con diritto di sfruttamento privato (agricoltura, pascolo, caccia).
    Lat. medioevale cafagium / gagium / gazium / gajum / gagio = residenza padronale in possedimento terriero ('domus praecipua, idem quod caput mansi...quae pertinet ad primogenitum, vel in qua habitat caput familiae': Du Cange).

    Esempi:


  11. hortus

    Radice indoeuropea *gherdh = recingere (IEW 444).
    Celtico: *gortos = luogo recintato, giardino.
    Greco chortos = recinto.
    Latino hortus e cohors / chors / cors = luogo recintato.
    Lat. medioevale hortale / orta / ortal / ortilis = orto (Du Cange).

    Esempi:


  12. limes

    Radice IE *el /*elē̆i / *lē̆i = curvare, piegarsi, obliquo (IEW 307-309).
    Latino limus = obliquo, storto; limes-limitis = sentiero trasversale ai bordi di un campo e poi limite, confine; limen-minis = limitare di porta, soglia.
    Lat. medioevale limium / limitus / limita / limitatum = limite, confine (Du Cange).
    limitoni, paretoni: muri a secco delimitanti i confini dei feudi.

    Esempi:


  13. munda

    Radice IE *mə-n = mano (IEW 740-741).
    Latino manus = mano.
    Base germanica *mund = mano e anche fare cenno, segnalare, in particolare segnalare o difendere un confine e quindi confine o difesa.
    Inglese mound = limite, confine e anche tumulo, collinetta probabilmente per l'uso di difendere i confini con cinte di terra e sassi.
    Base longobarda *munda = difesa.
    Latino medioevale munda = bandita, luogo interdetto all'uso pubblico ('locus forestae in quo nec venari nec usagium capere licet': Du Cange).

    Esempi:


  14. olka

    Radice indoeuropea *pelk / *polk = circondare, recingere (IEW 807, 850).
    Base celtica *olka = campo recintato.
    Lat. medioevale olca / holca / aucia / auca / oca / ocha / ochia / occhia / algia / augia / oschia / osca / oska / colcia = terreno recintato ('terrae portio arabilis, fossis vel saepibus undique clausa' :Du Cange); ulcea / ungula = luogo di pascolo (Du Cange).
    Probabilmente affini aglata / oglata / uglata / oglatta (Du Cange).
    Aucia: nel basso Medioevo era il territorio di Cortemaggiore (PC).

    Esempi:


  15. ora

    Radice indoeuropea *uer / *uer-b / *uer-p (IEW 1153, 1156) = voltare, girare.
    Greco oros-ou / orϜos = limite, confine.
    Latino urvare = tracciare il confine; ora = estremità, orlo, margine e anche territorio, regione, distretto.
    Lat. medioevale *orula / orla / horla / orlum / orlis / oreria / aureria = orlo, margine (Du Cange) o anche poggio, dosso.

    Esempi:


  16. paradisus

    Radice IE *dheiĝh = impastare l'argilla, costruire, muro (IEW 244-245).
    Partico pairi-daēza = recinto (pairi = Greco perì).
    Greco paràdeisos = recinto.
    Latino paradisus = giardino, parco.
    Nella religione cristiana il Paradiso è il soggiorno delle anime beate dopo la morte. Nel linguaggio comune indica un luogo molto piacevole.
    Nel Medio Evo paradisus / paravisus / parvisius / parvisus / pervisus / parvius indica il sagrato di una chiesa poi, in generale, un'area recintata da portici o un parco cintato (Du Cange).
    Cfr. Francese parvis = sagrato.

    Esempi:


  17. saeps / praesepe

    Radice IE *saip = recingere (IEW 878).
    Latino saepes / saeps / saeptum / sepes / septum / sepimentum = recinto, siepe, luogo recintato; saepire / sepire = recingere; *saeptalia = luoghi recintati.
    praesepe = recinto, stalla, mangiatoia.
    Lombardo tresìf, Friulano tresev = stalla, mangiatoia.

    saeps

    Esempi:

    praesepe

    Esempi:


  18. *staffal.

    Radice IE *stebh / *stabh = palo, pilastro (IEW 1011-1013).
    Base longobarda *staffal = palo o cippo segno di confine: confine di un possedimento.

    Esempi.


  19. tacha

    Radice IE *deik̂ = mostrare (IEW 188-189).
    Gotico taikns = segno.
    Francese antico tache, taiche, taje = segno, macchia.
    Latino medioevale tacha = segno di confine di podere ('agri limes, signum finium, forte a Germanico Teeken': Du Cange) e il confine stesso .
    teclatum / teclatura / theclatura = segnale di confine ('caesura, incisio in arbore, quae vice termini est': Du Cange).

    Esempi:


  20. terminus

    Radice IE *ter = attraversare (IEW 1074-1075).
    Sanscrito tarati = attraversare.
    Greco terma = termine.
    Latino termen / termo / terminus = cippo (o altro segnale) di confine e quindi confine.

    Esempi:


  21. titulus

    Radice IE *tel / *telə / *tlē[i] / *tlā = portare, sostenere, supportare (IEW 1060-1061).
    Greco stēlē = colonna, pilastro.
    Latino tollo = sollevo; tuli (arcaico tetuli) usato come perfetto di fero; titulus = pilastro con iscrizione spesso segno di confine e in seguito per sineddoche iscrizione su qualunque supporto.
    Lat. medioevale titulus = confine ('limes, meta': Du Cange).

    Esempi:


  22. wald

    Radice IE *uel / *uelǝ = fitto groviglio (lana, capelli, erba, foresta; IEW 1139-1140).
    Base germanica *waldhu = bosco (GW).
    Per i Longobardi wald indicava un terreno liberamente fruibile (in opposizione a gahagi = terreno riservato).
    Latino medioevale waldum / waldus / gualdus / gaudus / walda / gualda / gualtina ('nemus, silva, ex Saxonico': Du Cange).
    Piemontese vauda = luogo elevato e boscoso.

    Esempi:


  23. wifa

    Radice IE *u̯eip, *u̯eib = ruotare, girare, avvolgere (IEW 1131-1132).
    Gotico wipja = corona.
    Base longobarda *wifa = palo ornato di foglie che delimita un terreno privato.
    Latino medioevale wifa / guifa / guiffa / hiufa = signum, quod propter defensionem ponitur (Du Cange).

    Esempi:


  24. wizza

    Radice IE *u̯(e)id = vedere, sapere (IEW 1125-1127).
    Base germanica wizzan = stare attento; wizzi = punizione.
    Base longobarda *wizza = bosco demaniale interdetto all'uso pubblico, bandita.
    Latino medioevale viza, vizia = bosco demaniale a sfruttamento controllato ('silva cujus pars caedenda assignatur': Du Cange).

    Esempi: