Le acque. Lo strato latino.

Toponomastica italiana

Luoghi d'Italia


Nel seguito i riferimenti alle radici indoeuropee rimandano a Indogermanisches etymologisches Wörterbuch di J. Pokorny, citato come IEW, in cui sono disponibili molti esempi e trascrizioni fonetiche più accurate.

Cliccando sui nomi su sfondo giallo si ottiene la rappresentazione Googlemaps del luogo corrispondente.

Tra le basi idronimiche di immediata derivazione dal latino si possono individuare le seguenti.


  1. alluvies.

    Radice IE *lou / *lou̯ə = lavare (IEW 692).
    Latino lavÓre o l¨ere = lavare, bagnare, irrigare; *luvius (nei composti come alluvius, diluvium) = inondante; *luvarius = irrigante; alluvies = alluvione, frana, terreno alluvionale.
    Lat. medioevale alluvia /ablivio / alluvium / abluvium / obluvium = alluvies (Du Cange).

    Esempi.


  2. aqua.

    Radice IE *akwa, ekw (IEW 23) = acqua, fiume.
    Germanico *ahwo, *ahwjo.
    Latino aqua (dim. aquicula) = acqua; aquarium = serbatoio, cisterna; aquilentus = ricco d'acqua o che produce o porta acqua.
    *aquestris = palustre; *aquile = luogo di sorgenti.
    Latino medioevale aqualis / aquale / aguale / aquacium / aquagium / aquarium / aquerium / aqueria / aqualicium = canale (Du Cange).
    acquivo = condotta d'acqua per mulino.
    Sardo abba / acua / eba / eva = acqua.

    In particolare da aquarium.


  3. amnis.

    Radice IE *ab = acqua, fiume (IEW 1).
    Latino amnis (*ab-nis) (dim. amniculus) = torrente.


  4. calidus.

    Radice IE *k̂el = freddo, caldo (IEW 551-552).
    Latino calidus / calens = caldo; calidarius = luogo riscaldato o attrezzo per scaldare.
    Lat. medioevale caldarium / caldaria / calderia / caudera / calderaria = caldaia.
    calda può essere una fonte termale o che comunque non gela;
    caldaia, caldara, caldera, calliera, caldina possono riferirsi a fonte termale o ad avvallamento circolare a forma di padella del terreno.
    Sardo caddarzu / cardasa / cheddarju / caddargiu / cardaxu / cadraxu / cradaxu / caddÓrgiu / craddaxu / caddaxu = caldaia.

    Esempi.


  5. canalis.

    Greco kanna e Latino canna = canna, giunco, parola di probabile origine semitica (Accadico qanu = canna; Ebraico qanè = canna).
    Latino canalis = canale, conduttura.
    Nella toponomastica montana pu˛ significare canalone, valle infossata.


  6. cavus.

    Radice IE *keu / *keua / *ku / *kua = gonfiarsi, dilatarsi (IEW 592-594).
    Latino cavus = incavato, scavato; *cavula, *cavulum = fossatello; cavare, excavare = scavare.
    Latino medioevale scabare (cabare) = scavare; scava (scaba) = fossa, fossato (Du Cange); cavea, cova = fossato; calvetum = stagno (Du Cange); cavaneus = avvallamento acquitrinoso ('locus depressus et paludosus': Du Cange).
    Friulano ciol = vallone.
    In Sicilia cava = vallone, torrente.
    Italiano cava = luogo di estrazione di materiale roccioso

    Esempi.


  7. confluens.

    Radice IE *kom = vicino a, con (IEW 612-613).
    Latino cum = con, insieme, dotato di.
    Radice indoeuropea *bhleu = espandersi, rigonfiarsi, fluire (IEW 158-159).
    Latino fluo = scorro.
    Latino confluens = confluente riferito a confluenza di corsi d'acqua.

    Esempi.


  8. flumen.

    Radice IE *bhleu = espandersi, rigonfiarsi, fluire (IEW 158-159).
    Latino fluere = fluire; flumen / fluvius = fiume.
    Protogermanico *flaumaz = flusso, acqua corrente; Antico Norvegese flaumr = gorgo; Olandese Vlaanderen = Fiandre (terre sommerse); Francese Flandres = Fiandre.
    Lat. medioevale flumis / flumaria = fiume (Du Cange).
    fiumara: torrente soggetto a piene improvvise e impetuose: il nome può derivare dalla fusione della radice latina con la voce greca cheimarros = torrente.
    Sardo flumini / flumene / fiumene / frumene / grumene = fiume.

    Esempi.


  9. fons.

    Radice IE *dhen = correre, fluire (IEW 249).
    Latino fons = fonte ('Common lat. initial d->f-shift': Pokorny).
    Lat. medioevale fontana / fontanus / fontamen / fontius / fontanilis / fontalia (Du Cange).

    Esempi.


  10. fossus.

    Radice indoeuropeo *bhedh = perforare, scavare (IEW 113-114).
    Latino fodere = scavare (part. passato fossus = scavato); fossa = fossa, fossato; fodina = cava, miniera.
    Lat. medioevale fodita / fodia / fodiata / fossatum / fossata / *fodica / *fodicaria = fossa.
    funea (*fodinea?) = cisterna, condotto sotterraneo.
    fosso siglifica spesso, oltre che alveo artificiale, ruscello naturale infossato.
    Sardo puliga ( da *fodica) = vagina; puligada = infossata.

    Esempi.


  11. fovea.

    Radice IE *gheu̯ei̯ā = fossa, incavo, caverna (IEW 451).
    Latino fovea = fossa, fossato.
    Lat. medioevale fobia / fovia / fogia / fovetum / favetum (Du Cange).
    Pu˛ indicare fosso oppure canale, ruscello infossato o genericamente avvallamento del terreno.

    Esempi.


  12. frigidus.

    Radice IE *srīg = freddo (IEW 1004).
    Latino frigidus = freddo (agg.).
    Lat. medioevale frigdor / friggedo = freddo (sost.).

    Esempi.


  13. glarea.

    Radice IE *ĝer / *ĝerǝ / *ĝrē = strofinare, raschiare, granello (IEW 390-391).
    Latino glarea = ghiaia.
    Lat. medioevale glara / glaretum / ghiaria = ghiaia (Du Cange).
    Liguria-Piemonte giaira = letto di torrente.
    Sardo giara / giarra / zara / jara / giaja = ghiaia.

    Esempi.


  14. gurga.

    Radice IE *gʷer = gola, divorare (IEW 474-476).
    Latino gurga / gurges-gurgitis = gola (dim. gurgula, variante *gurgina, *gurna, *garga).
    Lat. medioevale gargoula / gargoullia / gargalia = condittura d'acqua (Du Cange).
    Sardo gorga / gurguena / gurgutta / birguzu / irgunzu / irgurzu = gola; croccolai = gorgogliare.
    gurga e derivati possono indicare una gola montana, un fiume o canale, un pantano, o un macero per la canapa.

    Esempi.


  15. miscere.

    Radice IE *meik / *meig = mescolare, agitare (IEW 714).
    Greco mignymi = mischiare.
    Latino miscere = mischiare.
    Lat. medioevale mischare = mischiare; mescla = mescolanza, commistione.
    Probabile riferimento alla confluenza di corsi d'acqua.

    Esempi.


  16. mollis.

    Radice IE *mel / *smel / *melƏ / *mle / *meld / *mled / *meldh / *mlei / *mli / *melƏk / *mlak / *mleu / *mlu = tritare, macinare (IEW 716-719).
    Latino mollis = molle, tenero, flessibile, umido, scivoloso, fangoso.
    Latino popolare *molleus = umido, acquitrinoso.
    Lat. medioevale moglum / molium = bagno di immersione; mollia = canale ('locus cavus, per quem aquŠ decurrunt': Du Cange).
    Sardo moddittu (con numerose varianti locali) = germoglio, in particolare del lentischio (Pistacia lentiscus); preda modde = talco.

    Esempi.


  17. mola.

    Radice IE *mel / *smel / *melƏ / *mle / *meld / *mled / *meldh / *mlei / *mli / *melƏk / *mlak / *mleu / *mlu = tritare, macinare (IEW 716-719).
    Latino molo = macino, trito; mola = pietra per macinare; molina / moletrina / molendinum = mulino.
    Spesso mola è sinonimo di mulino.
    Lat. medioevale: molinum / mulnetus / moliarium = mulino; molinarius / mulnerius = molinaro, mugnaio (Du Cange).
    In molti casi il corso d'acqua Ŕ denominato dall'impianto che lo utilizza.

    Esempi.


  18. palus.

    Radice indoeuropea *pel-ed = umido, marcio (IEW 798-801).
    Greco plados = umiditÓ.
    Latino palus-udis = palude; paluster / palustris = palustre.
    Lat. medioevale padules / padulectum = palude (Du Cange).

    Esempi.


  19. pelagus.

    Radice indoeuropea *pel / *pelak / *plak = versare, riempire (IEW 798-801).
    Greco pelagos = mare.
    Latino pelagus = mare, lago, fiume.

    Esempi.


  20. piscis.

    Radice IE *peisk / *pisk = pesce (IEW 796 ).
    Latino piscis = pesce; piscina / piscaria / piscale = luogo di cattura, allevamento o di vendita di pesce o, più genericamente, pozza, vasca; piscator = pescatore.
    Lat. medioevale pisquera, pisquerium, pessinacium = luogo di pesca, piscina, stagno (Du Cange).
    Sardo piscadeddu = pesciolino; piskina = pozzanghera.
    Da *piscinicula deriva pescolla = pozzanghera in dialetti meridionali.
    pischero o piscero = cisterna.

    Esempi.


  21. pronus.

    Radice IE *per = verso, attraverso (IEW 810-816); Greco peri = intorno a; Latino per = verso, attraverso.
    Radice IE *neu = inclinarsi, voltersi verso; Greco neuo = mi volgo verso; Latino *nuo / nuto = mi volgo, mi chino verso.
    Latino pronus (*pronuus) = inclinato, in pendenza.
    Lat. medioevale peronum = pendýo (Du Cange).
    In area veronese progno = torrente, vallone.

    Esempi.


  22. ripa.

    Radice IE *rei / *reip = strappare, tagliare, incidere (IEW 857-859).
    Latino ripa (dim. ripula) = pendio.
    In montagna: erta, scarpata, sentiero ripido.
    In pianura: riva, sponda, argine e anche ruscello, canale.
    riparius, rivanium, *ripalis, *riparicus = sul pendio, sulla riva.
    Lat. medioevale riba / riva / ribagium / rivagium / ribassium / ribatgium / ribaticus / ribera / riviga = ripa; riale / riana = canale ('alveus, canalis, aquaeductus': Du Cange).

    Esempi.


  23. rivus.

    Radice IE *erei-, *reia-, *roio- = correre, scorrere verso il basso (IEW 326-332).
    Greco rheo = fluisco, scorro.
    Latino ruo = corro precipitosamente; rivus (dim. rivulus, *rivucellus, *rivuciolus, *rivusculus) = ruscello, fiume.
    Lat. medioevale: rivolus / ribulus / riulus / riolus / russellus = ruscelletto; ritanus / ritana / rittana = fossato di scolo.
    Sardo rivu / ribu / riu / arriu / erriu / irriu = rio; rizzolu / rizolu / ritzolu / arriolu / arritzolu / errissolu / ribittolu / ribicheddu / arriixeddu = ruscelletto.

    Esempi.


  24. sabulum.

    Radice IE *bhes = tritare, spargere (IEW 145-146).
    Greco psao = raschio, sfrego; psammos = sabbia.
    Latino sabulum (pl. sabula) = sabbia.
    Lat. medioevale sabulo / sablo / sablonum / sabionum / sabuum = sabbia; sabulonaria / sabularia = terreno sabbioso (Du Cange).

    Esempi.


  25. sal.

    Radice IE *sal = sale, acqua salata (IEW 878-879).
    Greco als = sale, mare.
    Latino sal-salis (agg. salsus) = sale.
    Germanico *salt; Alto Tedesco sulza.
    Sardo sale / sali / sabi / sai / saui / sari / salippa / salocca / salocco / sarippa / saluppa = sale.
    Luogo con presenza di sale: sorgente o fiume salino o terreno sterile.

    Esempi.


  26. tubus

    Radice indoeuropea *tuo[u] / *tul = tubo (IEW 1102).
    Greco solen = tubo, canale.
    Latino tubus = tubo.
    Conduttura d'acqua, fossato.

    Esempi:


  27. vadum.

    Radice IE *uadh / *uedh = andare (IEW 1109).
    Germanico *wadha = guado.
    Latino vadum = luogo di attraversamento, guado: tratto poco profondo di fiume o di acquitrino o anche passo montano.
    Latino medioevale vadaculum / guadum / gadium / gudum / wacta (Du Cange).
    Sardo badu / bau / au / adu = guado, ruscello; vadalu = concavo, profondo.

    Esempi.


  28. vallis.

    Radice IE *uel = voltare, girare, avvolgersi (IEW 1140-1144).
    Latino valles / vallis = valle o fiume; dim. *vallicula; aggettivi: *vallensis, *valliceus.
    *valleus = vallone.
    Lat. medioevale vallo / vallonus = vallone, torrente (Du Cange).
    In pianura: valle = avvallamento allagato con formazione di acquitrini.
    valle è spesso sinonimo di torrente, rio.
    vallone: torrente di scolo di acqua meteorica.
    Sardo vadde / badde / baddi / adde = valle.

    Esempi.


  29. vena.

    Radice IE *ueis[na] = scorrere, fluire (IEW 1134).
    Latino vena / *ueisna (dim. venula, vella) = flusso di liquido.
    Può significare cava di materiale roccioso.
    Sardo: bena / ena = ruscello, acquitrino; benale = luogo di sorgenti; benatzu / enattu = acquitrino.

    Esempi.