Le acque. Il substrato preindoeuropeo.

Toponomastica italiana


Nel seguito i riferimenti alle radici indoeuropee rimandano a Indogermanisches etymologisches Wörterbuch di J. Pokorny, citato come IEW, in cui sono disponibili molti esempi e trascrizioni fonetiche più accurate.

Cliccando sui nomi su sfondo giallo si ottiene la rappresentazione Googlemaps del luogo corrispondente.

Radici di idronimi che non appaiono riconducibili ad una base indoeuropea possono essere le seguenti.


  1. arn / ern / irn

    Basco haran = valle.
    Latino medioevale araneum = acquitrino (Diefenbach).

    Questa radice appare chiara nel nome della Val d'Aran della Catalogna, ma potrebbe ritrovarsi nelle terminazioni in -arna, -arno, -erno, -erna, -orna che, precedute da vari prefissi, caratterizza molti idronimi e toponimi italiani.

    Esempi.


  2. gab / gav

    Radice idronimica di probabile etimologia vasconica frequente in torrenti pirenaici (Gave de Pau, Gave d'Oloron, Gavarnie).
    Latino gàbata / gavata = scodella.
    Lat. medioevale gaba / gabia = via, piazza (Du Cange).
    Dialetto lombardo goi = pozza, pantano.

    Esempi.


  3. glan / chian

    Radice probabilmente preindoeuropea (forse presente anche nell'Etrusco)*glan / *klan = avvallamento: valle, fiume o acquitrino.
    Gaelico glean, Gallese glyn, Inglese glen = valle.
    Clanis / Clanius: nomi latini di vari corsi d'acqua in aree di influenza etrusca.
    Area napoletana lagno = roggia.

    Esempi.


  4. [s]ib / [s]ibar / [s]ub

    Basco ibai = fiume; ibar = valle.

    Questa radice probabilmente è all'origine dei nomi di molti fiumi in tutta europa. Esempi.

    Esempi italiani.


  5. ist / ast / est

    Basco istil = acquitrino; istinga = palude.

    Probabilmente questa radice emerge nelle terminazioni di idronimo -este, -esta, -estra, -estre

    Esempi.


  6. sec / cec / cic.

    Radice *seik (IEW 893-894) = versare, spargere riscontrabile in Europa occidentale (Senna (Lat. Sequana) e Segre (Lat. Sicoris).
    Latino medioevale sicus / sicum / sequia / sica / sicha / sua = fossato ('Saxon. sich, sulcum, vel potius sulcum aquarium': Du Cange); cequia = fossato ('Hispanis et Vasconibus Acequia, Incile, fossa rivi': Du Cange).

    Questa radice è diffusa in idronimi in tutta la penisola. Questo fatto, assieme all'osservazione di Du Cange, può far congetturare una ascendenza preindoeuropea. La frequente coppia Rio Secco è una evidente diplologia.

    Esempi:


  7. org / urc

    In idronimi: sorgente, acquitrino.

    Esempi.


  8. tan / ten / tin

    Celtico *tanna = vallone scosceso, caverna; *tnou, *tyno = valle.
    Si riscontra in Gran Bretagna. Ad esempio Tyne (Inghilterra), Tyne (Scozia).
    Lat. medioevale tanaga = fossa (Du Cange).
    Sardo tungu = fossa.

    Esempi.


  9. ur / or

    Basco ur = acqua.

    Potrebbe anche essere Suburra = sub+ur = avvallamento acquitrinoso.