I monti.

Toponomastica italiana


Nel seguito i riferimenti alle radici indoeuropee rimandano a Indogermanisches etymologisches Wörterbuch di J. Pokorny, citato come IEW, in cui sono disponibili molti esempi e trascrizioni fonetiche più accurate.

Cliccando sui nomi su sfondo giallo si ottiene la rappresentazione Googlemaps del luogo corrispondente.


  1. acuto / aguzzo

    Radice indoeuropea *ak (IEW 18-22) = aguzzo.
    Latino acus = ago, punta; acutus = acuto, con punta.

    Esempi


  2. alp / alb

    Base prelatina *alba / *alpa / *alfa = monte probabilmente connessa alla radice indoeuropea *al = crescere (IEW 26-27).
    Lat. medioevale alpes = alpeggi ('Pascua montana, quo aestate pecora aguntur et pascuntur': Du Cange).
    Patois francesi arp, arbé.
    Ladino olba = malga.

    Esempi


  3. bal / bel

    Radice indoeuropea *bhel / *bhle = crescere, aumentare (IEW 121).
    Base celtica bal = cima.
    Lat. medioevale ballea = monte (Du Cange).

    Esempi


  4. bel / blem / blum / pel / plem / plum

    Radice indoeuropea *bhel / *bhelg / *bhelk = sporgenza, rigonfiamento (IEW 122-123).
    Latino fulcrum = sostegno.
    Celtico *balako = sporgenza da muro.
    Germanico *belgan = gonfiarsi.
    Dialettali alpini, forse da radice retica: belen, plem, blem = dirupo.

    Esempi


  5. bar

    Base indoeuropea *bhares / *bhores = ritto, appuntito (IEW 109-110).
    Sanscrito varaha = monte.
    Radice ligure *bar[c] / *ber[c] = altura, monte.
    Base celtica *barro[s] = sterpaglia, cima d'albero; *berio = grande roccia, macigno.
    Dial. valdostano bar = cima.
    Spagnolo barranco = burrone.
    Dialettale barancio = pino mugo.

    Esempi


  6. bec / becca / becco

    Radice indoeuropea di probabile origine onomatopeica *b[e]u, *bh[e]u = suono di un urto.
    Base celtica*bekko = becco, rostro.
    Probabile riferimento a cima appuntita o ad elemento appuntito in una costruzione.

    Esempi


  7. brig / bric

    Radice indoeuropea *bheregh = altura, mucchio (IEW 140-141).
    Germanico *berga = monte.
    Celtico *briga / *bergo / *bergno = mucchio, altura; *briko / *brikko = collina (diminutivo di *briga).

    Esempi


  8. broc / brunc / frunc

    Radice indoeuropea *bhar / *bhor / *bhr = punta acuta (IEW 108-109).
    Celtico *broccos = picco, cuspide.
    Latino brocchus / bronchus / bronceus = sporgente, prominente.
    Latino medioevale brocha = palo appuntito, spiedo (Du Cange).
    Italiano broncio = muso.
    Francese antico broc = sperone roccioso.
    Sardo bruncu / fruncu / vruncu / runcu = sperone roccioso.

    Esempi


  9. calm / carm

    Radice indoeuropea *kau (IEW 535) = tagliare, colpire, spaccare.
    Base celtica *kal / *kalm / *kalos = sasso, roccia; *kalma / *kalba = terreno sassoso.
    Latino medioevale calma = terreno sterile ('calma est ager exilis et ab omni cultu destitutus, vastus et desertus': correzione a Du Cange).
    Francese antico chalm, charme, chaume = terreno sterile.

    Esempi


  10. capr / crab / crap / gabr / grop / grup

    Radice indoeuropea *kreup = aspro, scabro (IEW 623) e *[s]kreup = pietra puntuta, rupe, erta scoscesa (IEW 938-947).
    Celtico *krappa = roccia.
    Latino scrupus = roccia, scoglio.
    Sloveno grapa = burrone.
    Ital. greppo = erta scoscesa.

    Esempi


  11. castr / castel

    Radice indoeuropea *kes = tagliare, dividere, separare (IEW 586).
    Latino castrum (dim. castellum) = accampamento militare.
    Lat. medioevale castellum / castellarium / castellare = luogo militarmente fortificato; castellarius = del castello (Du Cange).
    Ital. castello può essere un villaggio poiché nel Medio Evo i villaggi erano spesso fortificati o, per analogia, una emergenza rocciosa.
    Sardo crastu = pietra, roccia, macigno, dolmen.
    Italiano castellania, castellanza: dominio di un castello.

    Esempi


  12. caval

    Radice indoeuropea *kap = testa, recipiente (IEW 529-530).
    Indiano antico kapala = ciotola, cranio; kapola = guancia; kakubh = cuspide, apice.
    Anglosassone hafola = testa.
    In Turchia Kabatepe.
    In Grecia Kavala.
    Base prelatina di probabile provenienza anatolica *kaba / *kava = cima di monte.

    Esempi


  13. cima

    Radice indoeuropea *keu / *keua / *ku / *kua = gonfiarsi, dilatarsi (IEW 592-594).
    Greco kyo / kyeo = mi gonfio, sono pregnante.
    Latino cyma = apice di un germoglio.
    Base celtica *kem / *kem[m]is = cima, sommità.
    Lat. medioevale cima = apice di una pianta ('summitas olerum vel arborum': Du Cange).
    Nelle lingue romanze vale apice di monte o di costruzione.
    In Veneto cima può anche essere una derivazione da un corso d'acqua.

    Esempi


  14. col / colm / culm

    Radice indoeuropea *kel = essere alto (IEW 544).
    Latino *cellere (nel composti) = emergere; *cellens, celsus = emergente, alto; collis = colle, altura (dim. *colliculus); culmen-culminis / columen-columinis = culmine, cima
    Lat. medioevale collata / collatum = colle (Du Cange).
    culmata / culmatus = cima di edificio, colle (Du Cange).
    Friulano cuel = colle.
    Sardo coddu = colle.
    Spesso colle è sinonimo di passo.
    colma = passo montano.
    Da colmare = riempire viene colmata: metodo di bonifica delle terre paludose per deposito di sedimenti fluviali.

    Esempi


  15. corno

    Radice indoeuropea *ker / *kera / *kra / *kerei / *kereu = sporgenza, corno (IEW 574-577).
    Latino cornu.
    Greco keras.
    Germanico horn.
    Celtico *kerna = corno, testa.
    Sardo corru = corno; corruttu = cornuto.
    Negli idronimi possibile riferimento a infossamenti, diramazioni o sinuosita del corso.
    Lat. medioevale corna / cornum / cornuum = corno ('Cornu, extremitas in acumen desinens': Du Cange);
    cornale = distretto territoriale ('Vicus, pagus, districtus': Du Cange).
    Può riferirsi ad un monte svettante, all'ansa di un fiume (o al fiume stesso) , ad abitato a forma di arco o posto all'estremità di un territorio, a un'ala di una costruzione, a biforcazione di strada.

    Esempi


  16. croc / rug / ross

    Radice indoeuropea *krok / krek = sporgere, innalzarsi, torreggiare (IEW 619).
    Base celtica *krouka / *kraukina = collina.
    Sardo corcone / colcone / crocone = muso.

    Esempi


  17. croda

    Radice indoeuropea *gred / *grod = scavare, incidere, grattare (IEW 405).
    Greco charassein = scavare, fendere, scolpire.
    Base germanica *kratton, Tedesco mod. kratzen = grattare, graffiare.
    Lat. medioevale cratare / gratare = grattare.
    Veneto croda, Friulano creta = macigno, rupe.

    Esempi


  18. cuc / coz

    Radice indoeuropea *keu / *keua / *ku / *kua = gonfiarsi, dilatarsi (IEW 592-594); *kuk = rigonfiamento rotondeggiante.
    Greco kokkos = bacca, nocciolo.
    Tedesco kugel = palla solida.
    Celtico *kuk = collina.
    Albanese kokë = cima, testa.
    Lat. medioevale cucho = mucchio (Du Cange).
    Dialetti Italiani: cozzo (meridionale) = colle; cuccuru (Sardegna) = cima, cocuzzolo

    Esempi


  19. forca

    Radice indoeuropea *gher[k] = punta rigida (IEW 445).
    Greco cher, Latino her = riccio.
    Latino horreo = sono irsuto; hircus = capro; furca = coppia di punte rigide, forca, forcone a due punte.
    Per analogia può riferirsi a biforcazione di strada, a stretta gola montana o passo montano.
    Latino bifurcium, trifurcium = bivio, trivio.
    Lat. medioevale fulca / fulcha / fulcus / forchia = forca, biforcazione; conforum / confurcium / confurtium / conforza = biforcazione, crocicchio, luogo di ritrovo, mercato (Du Cange).

    Esempi


  20. giog / giov / /zoc / zof / zog / zof

    Radice indoeuropea *ieu / *ieua / *ieu-g = unire, abbinare (IEW 508-510).
    Greco zeugnymi = congiungo.
    Germanico joch = giogo.
    Latino iungo = congiungo; iugum (dim. iugulum) = giogo.
    Traslato geografico: iugum = cresta montana, passo, contrafforte.

    Esempi


  21. guglia

    Radice indoeuropea *ak = aguzzo (IEW 18-22).
    Latino acus = ago, punta con dim. acuculus, acucula, acucla e derivato aculeus = spina.
    Lat. medioevale agulia / aguilla / agulha = guglia ('apex turris': Du Cange).
    In ambiente montano guglia (e varianti) indica cima aguzza.
    Veneto agugliaro / agugiaro / aguiaro = spineto.

    Esempi


  22. mal / mel

    Radice indoeuropea *mal / *mel /* mlo = emergere, innalzarsi (IEW 721-722).
    Latino moles = ammasso.
    Celtico *mello = collina, *molos = mucchio.
    Sardo millone = monumento, mucchio di sassi.
    Albanese mal = monte.

    Esempi


  23. mat

    Radice preindoeuropea *mat / *met = monte probabilmente affine alla radice indoeuropea *men / *mnti = prominenza (IEW 726).

    Esempi


  24. mon / monte

    Radice indoeuropea *men / *mnti = prominenza (IEW 726).
    Latino mons = monte;
    *montania (montagna) = luoghi montagnosi;
    *monticulus (monticchio, montecchio, monchio, montiglio) = monticello;
    *montalis, montanus = sui monti.
    Lat. medioevale monteria = dei monti, sui monti (Du Cange).
    montagna, come alpe, può avere il significato di alpeggio, pascolo estivo ad alta quota.

    Esempi


  25. mor / mur

    Sostrato mediterraneo *morro = sporgenza, prominenza.
    Questo lessema per cui non si hanno riscontri in radici indoeuropee appare praticamente immodificato in tutta la penisola iberica, nell' area occitana e nell'Italia peninsulare con significato sia di muso sia di altura isolata.
    Spagnolo, Catalano, Portoghese morro = muso, grugno e anche collina.
    Occitano morre = muso.
    Sardo murru = muso, colle.
    Lat. medioevale morrum / mora = pilastro (Du Cange).

    Esempi


  26. mut

    Radice preindoeuropea *mut = altura, mucchio probabilmente affine alla radice indoeuropea *men / *mnti = prominenza (IEW 726).
    Etrusco mutna = tumulo, tomba.
    Celtico *mutta = monte.
    Latino medioevale motta / mota / mutulus = altura, mucchio ('acervus, cumulus, moles, quŠvis eminentia': Du Cange).

    Esempi


  27. nava

    Sostrato preindoeuropeo *nava = conca, avvallamento.
    Basco naba = valle.
    Base celto-ligure nava = vallata.
    Greco nape = vallone.

    Esempi


  28. pala

    Radice indoeuropea *pelis / *pels = roccia (IEW 807).
    Probabile base illirica *pal / *pel = rupe.
    Germanico *felisa = roccia scoscesa.
    Francico *falisa, Francese falaise.
    Tedesco Fels = roccia.
    Latino medioevale falesia = rupe a strapiombo ('Fels vel Fales vox Germanica, quae rupem sonat'; A Celtico Falz, rupes: Du Cange).

    Esempi


  29. pania / penna

    Radice indoeuropea *pen / *pend = essere appeso, essere in pendenza (IEW 998).
    Ligure *pania = cima.
    Celtico *pen[n]a / *penno = cima, testa.
    Lat. medioevale penna / pena / penia = rupis, collis, saxum, arx, castellum (Du Cange).
    Spagnolo peña = roccia. dirupo.
    Sardo e Corso penta = parte scoscesa di un colle.

    Esempi


  30. passo

    Radice IE *pet / *petǝ = allargare, estendere braccia o gambe (IEW 824-825).
    Latino passus = passo.
    Lat. medioevale passagium (Du Cange).
    In montagna: valico.
    Presso ai fiumi: guado, traghetto.

    Esempi


  31. pernice

    Radice IE *per = vado oltre, trapasso (IEW 816-817).
    Greco peiro / peronao = trapasso, trafiggo; perone = punta, ardiglione di fibbia.

    Esempi


  32. pic / piz

    Radice indoeuropea *[s]pi[k] = punta, acuto (IEW 981-982), *peuk / *peug / *puk = pungere (IEW 828).
    Tedesco spitz.
    Celtico *pikos = punta.
    Inglese peak = picco, vetta.
    Lat. medioevale pico / piquo / picta = vetta ('cacumen': Du Cange).
    Sardo piccu / pitzu / pittu = punta, picco.
    Può essere una cima appuntita, una costa rocciosa, una striscia di terreno asciutto in un acquitrino o una punta marina.

    Esempi


  33. poggio

    Radice indoeuropea *pet = muoversi con impeto (IEW 825-826).
    Greco pous-podòs = piede.
    Latino pes-pedis = piede; petere = dirigersi.; podium = podio, basamento, appoggio.
    Latino medioevale podium / pogium / poius / poium / poulum / podiale / poiallus; dim. pediculus / podiuolus / pudiolus / pogetum = colle ('collis, mons': Du Cange).
    Nei toponimi (soprattutto in Toscana) : sporgenza da monte o catena montuosa retrostante.

    Esempi


  34. porta

    Radice indoeuropea *per = trasportare, attraversare (IEW 816-817).
    Greco poros = passaggio.
    Latino porta = passaggio; portare trasportare; portus = porto, foce.
    Inglese ford = guado; firth = estuario.
    Scandinavo fijord = fiordo.
    Latino porta = porta nelle mura di cittÓ o di castello.
    portarile = ingresso monumentale.
    portiera pu˛ essere una chiusa idraulica.
    portella spesso indica un valico montano.

    Esempi


  35. punta

    Radice indoeuropea *peuk / *peug / *puk = pungere (IEW 828).
    Latino pungere (part. pass. punctus) = pungere.
    Latino medioevale puncta / punctus / ponta = punta ('acumen, Gall. pointe'); poncha = promontorium; puncta terrae = porzione di terreno (Du Cange).
    Può indicare lingua di terreno, cima acuta di monte o sporgenza di costa marina.
    Italiano puntone / pontone = spigolo di muro o angolo di strada.

    Esempi


  36. rocca

    Radice indoeuropea *krok / krek = sporgere, innalzarsi, torreggiare (IEW 619).
    Base celtica *krouka / *kraukina = collina; *rokka = roccia, dirupo.
    Latino volgare rocca / rocha / roca / rochus = dirupo, dirupo fortificato o, in generale, fortezza.
    Italiano roccolo (detto anche casello): impianto mimetizzato per la cattura di uccelli.

    Esempi


  37. rossa / rosso

    Radice indoeuropea *er / *or = agitarsi, nascere, sorgere, elevarsi (IEW 326-332).
    Protogermanico risana = salire, scendere.
    Gotico urreisan = salire.
    Base celtica *reus / *ross / *russ / *ruth = punta, cima, pendenza.
    Inglese rise, rose, risen = salire.

    Esempi


  38. rupe

    Radice indoeuropea *reu / *reua / *ru / *reup = strappare / scavare / rompere (IEW 868-871).
    Latino rumpo = rompo; rupes = rupe, dirupo.

    Esempi


  39. sasso

    Radice indoeuropea *sek = tagliare (IEW 895-896).
    Latino secare = tagliare; saxum = roccia (letteralmente spaccato, spezzato).
    sasso spesso significa montagna rocciosa.

    Esempi


  40. scoglio

    Radice IE *spek̂ = guardare (IEW 984).
    Greco σκοπεῖν = guardare; σκόπελος = rialzo, scoglio.
    Latino scopulus = scoglio, macigno, rupe.

    Esempi


  41. sella

    Radice indoeuropea *sed = sedere (IEW 884-887).
    Latino sedes (dim. sella) = sedia, sella.
    Nei toponimi indica spesso formazioni montuose che assomigliano a selle, che sono spesso luoghi di valico.

    Esempi


  42. serra

    Radice indoeuropea *kar[k] (IEW 531-532) = duro, pietra, pietrisco.
    Germanico hart, hard.
    Celtico *kar / *karn / *kaer / *kariu / *karra / *gar = pietra, roccia.
    Basco harri = pietra.
    Spagnolo cerro = altura; sierra = catena montuosa.
    Lat. medioevale serrum / serra / sarra = cresta montana (Du Cange).

    Esempi


  43. spek

    Radice IE *spek̂ = guardare (IEW 984).
    Greco σκοπεῖν = guardare.
    Latino speciō = guardo; specula = punto di osservazione sopraelevato.
    Lat. medioevale specla = colle, luogo elevato ('Locus editus, collis : unde speculari licet'); specula = pulpito, ambone (Du Cange).
    spetia, specchia, spessa, speda, spissa = grossa roccia sporgente

    Esempi


  44. tempa / timpa

    Radice indoeuropea *teu / *teua / *tuo / *tu = aumentare, crescere, gonfiarsi (IEW 1080-1085).
    Latino tumere / tumescere = gonfiarsi, tumba = monticello.
    Sabino teba = colle.
    Greco Tempe, forra del fiume Peneo.
    Lat. medioevale tempe = gola montana ('montium angustiŠ': Du Cange).
    Italia Meridionale tempa / timpa: altura con pareti scoscese.

    Esempi


  45. testa

    Radice indoeuropea *tek[dh] = intrecciare, tessere, costruire (IEW 1059-1060).
    Greco techne = lavoro, artificio.
    Latino texo (part. passato textus) = connettere, intrecciare, tessere; testa = vaso di terracotta e nel Latino popolare e nelle lingue romanze cranio, testa, capo.
    Lat. medioevale testa = cima, sommità ('vertex, summitas': Du Cange); testata = estremità, confine (Du Cange).

    Esempi


  46. torre

    Radice indoeuropea *teur / *tur = crescere, gonfiarsi, emergere, essere forte (IEW 1080-1085).
    Latino turris (dim. turricula) = torre; turritus = fornito di una o più torri.
    Lat. medioevale turris = torre, carcere; turricella / turrella / turellus / turella / tornella / turresinus / turrisinus / turrisinum = torricella (Du Cange); turrile = campanile (Du Cange).
    Ital. torre: in senso proprio o anche nel senso di cima montana svettante.

    Esempi


  47. valico, varco

    Radice IE *u̯ā = di lato (IEW 1108-1109).
    Latino varus = storto, volto in fuori; varicare = divaricare le gambe.
    Lat. medioevale varicare = oltrepassare (Du Cange).
    varco = apertura che permette di oltrepassare; valico = passo montano.
    Sardo arcu = valico, passo montano.

    Esempi


  48. vetta

    Radice indoeuropea uegh = muovere, trasportare, sollevare (1118-1120).
    Latino veho = trasporto; vectis = germoglio, palo, stanga.
    In senso figurato: acuta sporgenza dal terreno.
    Lat. medioevale vettis / vettus = vectis (Du Cange).
    Sardo vitta / vittaredda = ramo, ramoscello.

    Esempi